Sei gradi

Mark Lynas . Sei gradi . Fazi Editore

Sono passati cinque anni da quando Mark Lynas, giornalista e attivista britannico, ci avvisava sui rischi del riscaldamento globale nel libro «Notizie da un pianeta rovente». A quanto pare da allora la situazione non è migliorata, come l’autore racconta nel nuovo saggio «Sei gradi», con prefazione del climatologo Luca Mercalli (Fazi Editore).

Il tema è sempre lo stesso, e si basa ancora sullo studio effettuato nel 2001 dal Comitato Intergovernativo per i Cambiamenti Climatici, vincitore del Nobel per la pace nel 2007: l’anidride carbonica nell’atmosfera sta aumentando a una velocità che non ne permette l’eliminazione tramite processi naturali, ed è arrivata a una concentrazione mai vista in 420.000 anni. Se l’umanità non cambierà rotta, entro la fine di questo secolo la temperatura globale del pianeta aumenterà da un minimo di 1,4 fino a 5,8 gradi. Sei gradi in più significa fine di quasi tutte le forme di vita, compresa la nostra.

Come il precedente saggio, «Sei gradi» analizza i problemi sorti nei cinque continenti e ipotizza verosimili scenari futuri, grado per grado in scala crescente; ma qui l’emergenza è sottolineata in modo più deciso: intere zone inabitabili, popolazioni cancellate, molti territori desertificati e molti altri devastati da alluvioni e uragani, questo è il pianeta prossimo venturo. Per fare un esempio, due o tre gradi in più trasformerebbero le nostre Alpi in una «brulla steppa polverosa dai toni giallastri», le conifere soppiantate da radi arbusti mediterranei, neve e ghiacciai solo un ricordo. Lontano dalla ricerca di facili sensazionalismi, Lynas ha raccolto con pazienza e rigore una grande quantità di dati e informazioni scientifiche, traducendoli in un linguaggio discorsivo ed efficace.

Non è facile sensibilizzare un’umanità abituata a sfruttare il pianeta senza rispetto: decenni di ricerche, miglialia di convegni, allarmi ed esortazioni sembrano cadere quasi nel nulla; anche scelte d’impegno modesto, come l’applicazione del Protocollo di Kyoto, sembrano troppo impegnative per i governi. Eppure, come afferma l’autore nel capitolo conclusivo, il futuro è nelle nostre mani: riusciremo a non distruggere il pianeta sul quale viviamo?

Articolo pubblicato sulla Gazzetta di Parma

Leggi la scheda libro sul sito Fazi Editore

Share

Written by

Giovanna Bragadini

(52 Posts)

Nell'attesa di capire se sogno o son desta, scrivo.